Latest Posts:

Sorry, no posts matched your criteria.

Follow Us:

Back To Top
Image Alt

La focaccia: lo “spuntino” pugliese il cui segreto è anche l’olio extra vergine di oliva!

La focaccia: lo “spuntino” pugliese il cui segreto è anche l’olio extra vergine di oliva!

La Puglia è tutta meravigliosa e ogni angolo merita di essere scoperto e vissuto. Ma i suoi oltre 800 km di costa fanno sì che le soste sulla spiaggia siano davvero molto frequenti e desiderate.

E cosa si mangia mentre si sta in riva al mare, baciati dal sole o illuminati dal chiarore della luna?

Semplice… la focaccia!

Ne esistono davvero tante versioni e ognuno ha la propria ricetta, magari tramandata dalla nonna, ma ogni focaccia ha alla base gli stessi ingredienti fra cui spicca l’olio extra vergine di oliva.

Quella che sicuramente ha la platea più vasta di estimatori è la tipica focaccia barese, ricca di pomodori e irrorata di olio extra vergine di oliva. Tanto olio extra vergine di oliva.

Per questo oggi voglio darti qualche dritta per realizzarla a casa e per ottenere un risultato davvero godurioso.

Iniziamo!

Innanzitutto ti consiglio di usare l’olio extra vergine Delicato, ma se ami i sapori decisi puoi usare l’Intenso, proprio come faccio io perché lo adoro.

Non sto per darti una vera e propria ricetta, ma alcuni suggerimenti per realizzare la focaccia barese così come sono sempre stata abituata a farla a casa, seguendo gli insegnamenti della mia cara nonna.

La focaccia barese è molto legata alla stagionalità quindi lo sono anche i miei consigli.

Il tempo di lievitazione

È più breve se fa caldo, più lungo se invece le temperature sono basse. Se siamo in piena estate la lasciamo lievitare per circa due ore, se siamo in inverno arriviamo anche a tre. Prima di metterla in teglia dai un’occhiata alla massa e assicurati che il suo volume sia raddoppiato.

La temperatura dell’acqua

Varia anch’essa in base alla temperatura ambientale. Se siamo in estate e fa davvero molto caldo impastiamo la focaccia con acqua fredda, durante il resto dell’anno usiamo invece acqua tiepida.

I pomodori

In estate ci sono i meravigliosi pomodori San Marzano, che sono quelli tradizionali con cui si fa la focaccia barese. Nelle altre stagioni usa comunque pomodori del periodo o i pomodori pelati fatti in casa. Tagliali grossolanamente a crudo in una ciotola e lasciali un po’ a macerare nella loro acqua acidula. Si creerà quel sughettino di pomodoro fresco che conferirà umidità alla focaccia.

L’olio extra vergine di oliva

Si utilizza in due precise fasi della ricetta. La prima quando si olia abbondantemente la teglia, la seconda dopo aver steso l’impasto nella teglia (con il solo utilizzo dei polpastrelli). Abbonda con l’uso dell’olio evo perché conferirà alla focaccia barese colore e croccantezza. Distribuiscilo su tutta la focaccia facendo delle leggere carezze.

L’olio extra vergine di oliva bis

In altre versioni della ricetta della focaccia barese, sempre tramandate dalle nonne, l’olio extra vergine di oliva va inserito anche nell’impasto quindi nella fase di lavorazione della massa. Insomma, anche in questo caso è una questione di segreti tramandati di generazione in generazione e di scuole di pensiero.

Le olive

Le baresane sono il top, ma se non sono disponibili usa quelle fresche della tua zona, l’importante è che tu le faccia affondare un po’ nell’impasto in modo che si incorporino bene nella focaccia.

E poi non dimenticare lievito, sale e origano secco frantumato da spolverare sulla superficie della focaccia prima di infornarla a una temperatura non inferiore ai 250°C.

Da noi la focaccia barese è un vero pilastro della tradizione gastronomica di strada. Si mangia a ogni ora, in ogni luogo e in ogni stagione.

Se ti ho fatto venire l’acquolina in bocca non perdere tempo, segui i miei consigli e mettiti all’opera… il suo sapore ti conquisterà!